TOP 5 Film di Pesca

Cosa c’è di meglio quando non si è fuori a pescare? Guardare un film di pesca spaparanzati sul divano!
Oggi un articolo di costume, una selezione completamente arbitraria di film che, in qualche modo, parlano di pesca con qualche fuori concorso d’eccezione.

Li conoscete tutti?
No?!?
Cosa aspettate a vederli?

Rock’n’Rod

1. In mezzo scorre il fiume

La storia del rapporto tra due fratelli che il padre, severo pastore presbiteriano, educa nel culto di Dio, del bene e della pesca a mosca. La pesca in questo film è molto più del pretesto per raccontare una storia, la pesca in questo capolavoro è strumento per capire la vita, è autentica condivisione tra uomini, un mezzo per conoscere Dio e gli uomini. Questo è anche il nostro stesso modo di intendere la pesca.

Il film è spettacolare, impreziosito inoltre da documenti fotografici d’epoca (veri o finti) e la presenza di Brad Pitt rende la visione del film adatta anche ad una serata di coppia. “Amore, ti va un bel film con Brad Pitt?”.  Taaaaac!

2. Due irresistibili brontoloni

In realtà abbiamo una coppia di film: “Due irresistibili brontoloni” (titolo originale: Grumpy Old Man del 1993) e “That’s Amore. Due improbabili seduttori” (Grumpier Old Man del 1995). La prima è una commedia esilarante con Jack Lemmon e Walter Matthau che racconta le avventure di due nemici-amici che, tra gli alti e bassi della vita, si trovano sempre a pescare su un lago ghiacciato. Il seguito, non meno divertente del primo, anzi, vede la coppia Matthau-Lemmon allearsi per combattere la chiusura del loro negozio di pesca in favore di un ristorante italiano gestito da? Sofia Loren! Una serie strepitosa di gag e aneddoti, infine la pescata della vita sul lago in smoking prima del matrimonio!

Intramontabile!

3. Lo sport preferito dagli uomini

Questo è un meraviglioso classico del ’64.
Roger Willoughby, autore di un apprezzato manuale di pesca e responsabile alla vendita del settore sportivo dei grandi magazzini Abercrombie and Fitch (che per la cronaca è nato proprio come marchio di abbigliamento da pesca N.d.A.), non solo non è davvero un esperto di questo sport, ma non ha mai pescato in vita sua, tutte le sue competenze derivano in realtà da racconti altrui.

Quando il suo capo, per motivi pubblicitari, lo costringe a partecipare alla gara del lago Wakapoogie, Roger imbarazzato confessa la verità ad Abby e “Easy”, le organizzatrici che hanno fortemente spinto per ottenere la sua presenza. Le due intraprendenti ragazze, per nulla scoraggiate dalla scoperta e decise a salvaguardare la riuscita del loro torneo, lo aiutano ad imparare a pescare nel giro di pochi giorni.

Da vedere assolutamente!

4. Il Vecchio e il Mare

Premio Oscar nel 1959 per la miglior colonna sonora e nomination per il miglior attore protagonista e migliore fotografia. Sempre nel 1959 conquista il Golden Globe e la nomination per il miglior attore in un film drammatico.

La storia… beh, quella la conoscete tutti dai!

5. Il pescatore di sogni

La storia di uno sceicco che vuole popolare un fiume yemenita coi salmoni per permettere alle sue genti di provare la gioia della pesca a mosca e usarla come livella sociale per appianare le tensioni nella zona. Se la trappola Brad Pitt non funziona, si può provare con quella Ewan Mc Gregor…
Il film, basato sul libro che vi consigliamo vivamente e che abbiamo già recensito qui e qui, è piacevole e scorre via bene e anche se la storia d’amore tra Alfred e Harriet non vi interessa, potete concentrarvi sulle scene di pesca.

Abbiamo dimenticato qualcosa ? Avete un’altra Top Five?  Usate i commenti in fondo alla pagina per suggerire i vostri preferiti!

Rock’n’Rod

 

 

 

4 Comments

  • Giovanni ha detto:

    ragazzi avete dimenticato “La tempesta perfetta” è vero che è pesca industriale e non sportiva, ma rimane un gran film con la pesca al centro della storia.

  • Pietro Invernizzi ha detto:

    Hai ragione Giovanni! Grazie del contributo 😉 Rock’n’Rod

  • Matteo ha detto:

    Manca “il fiume delle verità”. Forse un po’ troppo favolistico e non esattamente un capolavoro della filmografia mondiale, ma la scena di lei che si tuffa per recuperare la cattura è impagabile!

  • Fabio ha detto:

    Tutti grandi pezzi! Ma io ricordo ancora con grande Malinconia ” il mio nome e’ nessuno” spaghetti western con Terence Hill nella scena al minuto 13 circa in cui butta un insetto in acqua e alla bollata lo secca con un bastone…. Un vero mito ho passato anni da piccolo a provarci ……..Numeo 1 ciao a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *