La Grande Trota Marmorata del Sesia

marmorata_trota_record_sesia_pietro_invernizzi_big_marble trout
marmorata_trota_record_big_enorme_sesia_pietro_invernizzi_trotona

Tra le braccia il sogno di una vita!

Quando sentii l’abboccata capii subito che era una trota più grossa delle altre, tirava in modo diverso, meno elettrico e più caparbio. Papà era lontano e la mia hardy di un metro e ottanta in fibalite si piegava più del solito. Il mepps 3 argento, legato al Platil Strong 0.18, era volato proprio in quel rimollo dietro il sasso in mezzo all’alto Sesia, dalle parti di Scopa, tre giri di manovella dell’Abu Cardinal C4 ed ecco la botta di adrenalina, <c’è!>, pensai con il cuore in gola. Papà mi vide e con un sorriso di gioia e orgoglio iniziò ad avvicinarsi. Intanto la trota era ormai vicina, ma inspiegabilemnte qualcosa andò storto: la bobina cadde in acqua… Sconcertato provai ad afferrare il filo con le mani e a recuperare il pesce a mano. C’era ancora! In breve fu tra le mie mani tremanti e papà mi era accanto; era enorme, faceva 35 centimetri! Ero un bambino e quella strana trota senza pallini era la mia prima marmorata.

marmorata_trota_record_sesia_pietro_invernizzi_big_trotona

La mole possente della Grande Regina

Mi sorprese il fatto che papà disse di lasciarla andare, che era bella ma era piccola… piccola? Una fario di quella taglia l’avremmo senza dubbio tenuta e portata a casa con orgoglio per farla in padella!

Mar-mo-ra-ta. Così si chiamava la trota che a 35 centimetri era piccola ed il Sesia era la sua casa.
Era l’inizio di una lunga storia, di un sogno.

I primi lanci a spinning!

I primi lanci a spinning nel Sesia! Anni ’80

Per ancora tanti anni pescai come papà aveva insegnato, i suoi principi e le sue regole generali erano e saranno sempre il mio mantra alieutico. La pesca prendeva sempre più significato nella mia vita. Amavo tutto ciò che accompagnava ogni uscita: preparare i panini, i vestiti, le scatolette dei cucchiaini; amavo stare con papà sul fiume e quando c’era mio fratello era ancora meglio, i tre maschi di famiglia a condividere una grande passione. Quindi chiacchiere, discorsi, teorie e ricordi. La cattura grossa è sempre il sogno del pescatore, ma le grosse trote erano ancora un’idea astratta, perse tra qualche leggenda sentita al bar e viste di sfuggita in qualche foto ingiallita.
Venne un’età in cui gli ormoni provarono a distrarmi dalla pesca, tentazioni fatte di reggiseni slacciati in camerette, primi amori, motorini, sbronze e altre mirabolanti acrobazie adolescenziali; ma in quegli stessi anni scoprivo la pesca oltre la famiglia, con gli amici. C’erano a scuola alcuni loschi figuri che, così dicevano, amavano andare a pescare. Con molto scetticismo reciproco approcciammo l’argomento all’intervallo prima, sempre più spesso poi. Stava nascendo un sodalizio d’acciaio, erano gli albori dell’Anonima Cucchiaino!
Anno dopo anno migliorammo la tecnica insieme e ampliammo i nostri orizzonti, la pesca alla trota era sempre “La Pesca” per eccellenza in famiglia e con l’Anonima, e famiglia ed Anonima erano sempre più mischiati tra loro.
La Marmorata era sempre “Il Pesce” mitologico.
Un giorno ero con Jacopo all’altezza di Serravalle Sesia, scelsi un mepps 2 bronzo per quelle condizioni di luce e con molta convinzione lanciai alla testa di una pozza. Una bestia pazzesca strattonò la mia vecchia Browning e si mise a correre verso valle nelle schiume della corrente, lo 0.20 era messo alla frusta, ma presto il guadino a molla fu nella mia mano sinistra e per una volta, per miracolo, scattò e si aprì! <Jacopooo…> urlai, ma non mi sentiva e quella “bestia”, anche lei color bronzo, si dimenava. Senza esitare la uccisi con un colpo secco su di un sasso. Mi macchiai del peccato originale. Presto avrei iniziato ad odiare quella foto che poco dopo scattammo e che mi ritrae sorridente con soli 49 miseri centimetri di trota appesi alla mia mano.
Sventolare quel trofeo al mondo mi restituì, giustamente, tante frasi come: “peccato che tu l’abbia uccisa”, “non si fa”, oppure “bella, ma non arriva neppure a 50, il mio record è X di più”…
Nacque Facebook e si diffuse l’uso di Google… cominciai a vedere foto di trote grosse, grosse sul serio. Non solo in Adige, in Brenta, in Piave, in Po’, in Adda, quelle contavano meno, ma anche qualcuna in Sesia. Era lei, era La Marmorata!

Tra le braccia il sogno di una vita!

La grande marmorata del Sesia!

Ho fatto subito miei i principi del Catch and Release consapevole ed ho iniziato a pensare ad una pesca più pesante, più selettiva. Ho iniziato a studiare, nel vero senso della parola: libri, articoli, tesi di laurea, attrezzatura, molta attrezzatura. Ho iniziato ad essere ossessionato da quel pesce: la grande regina, la marmorata in generale ma quella del mio fiume in particolare, la Marmorata del Sesia.

Stavo iniziando la caccia! Stavo iniziando a capire come fare una pesca mirata, una pesca di sacrifici: attrezzatura più pesante, esche generose, posti particolari, sveglie all’alba e tramonti fino a buio, ma anche controllo meticoloso di ogni dettaglio, finali e nodi rifatti al minimo dubbio.

Un giorno molto speciale.

03/02/2013 Ricordi importanti sul fiume con gli amici!

Conobbi il Maestro.
Il Savio era leggenda per me, nessuno aveva preso più trote grosse di lui nel Sesia in tempi moderni.
Gli dei della pesca sanno quando è giusto mandare un messaggio: il giorno in cui lo conobbi pescammo qualche ora insieme, lui risalì il fiume ed io lo discesi e presi una marmorata da sessantacinque centimetri! Fu il mio nuovo record. Sapevo che non era un record degno di fama, ma per me era la prima Marmorata degna di questo nome. Il Maestro riconobbe in me l’Eletto e divenni il suo discepolo. In una sola stagione grazie ai suoi insegnamenti imparai quello che mi sarebbe costato anni ed anni di esperienza. Da quel giorno Savino non ha mai smesso di darmi preziosi consigli ed essere il mio punto di riferimento per confrontare scoperte, intuizioni ed idee nella caccia alla grande marmorata, ed è anche diventato un ottimo amico con cui è semplicemente bello condividere la stessa passione e lo stesso impegno per l’amato Sesia. La tecnica dunque ha continuato a migliorare, ma la tecnica per quanto importante, è solo uno strumento al servizio del Sogno. Ed il sogno divenne una visione sempre più chiara nella mia vita: una trotona oltre i 70 centimetri perché bramavo incontrare una Grande Regina del Sesia. E poi magari, un giorno, una oltre gli 80 per poter morire sereno. (Vedi questo Report ed il mio commento del 3/5/2012 … N.d.R.)

Una stupidaggine questa delle misure… non che le misure non contino, ma di certo hanno un significato molto molto relativo e non potremo mai misurare le emozioni né il valore di un pescatore.

ricordi sul fiume...

Momenti indimenticabili sul fiume…

In altri fiumi 70 o 80cm sono taglie ragguardevoli ma più frequenti, nell’alto Sesia, per quanto sia un fiume ricco di marmorate, sono taglie da capogiro. Questi numeri, ripetuti come una preghiera ad amici e conoscenti, sono diventati ben presto una malattia, qualcosa di cui in fondo avrei quasi voluto liberarmi se solo ne fossi stato capace… La pesca non è questo e lo so bene, pescare è una ricerca interiore, è stare nella natura, pescare è filosofia e condivisione… ma La Grande Trota reclamava il suo Sogno, il mito, la mia leggenda. La caccia continuava. Qualche altra trota degna di questo nome iniziava a popolare il mio album delle catture con sempre maggior frequenza! Ed ormai da qualche anno mi ero trasformato in uno dei paladini del Catch and Release incondizionato sulle marmorate. Sempre più convinto che i sogni debbano essere conquistati e meritati. Il papà di Francis, che ora condivide il paradiso dei pescatori insieme a mio padre, diceva che “per riuscire nei propri sogni c’è bisogno di talento, sudore e fortuna”; ho fatto di tutto per trovare in me il talento e continuerò sempre ad inseguirlo, il sudore non è mancato e non lo farò mancare, e la fatica è piacere quando insegui il tuo sogno.
L’anno scorso una beffa… una grande trota si fece ingannare dalla mia esca, ma era una grande trota cieca e debole, gli dei della pesca si prendevano gioco di me? Oppure mi incoraggiavano, sceglievano me per accogliere una loro regina e dirmi che ero sulla strada giusta?
L’amore è uno scambio costante, il fiume mi ha dato e continua a darmi tantissimo ed io penso sempre di dovergli qualcosa a cambio! Così mi sono impegnato nelle attività dell’SVPS al fianco di Savino ed altri validi pescatori, gli amici consiglieri, per tutelare il fiume e le sue meravigliose creature. Poi l’attività di questo blog, l’Anonima Cucchiaino, che con tutti i suoi articoli e i suoi post, ora seri ora giocosi, spero possa portare nel grande fiume della comunicazione un messaggio di pesca consapevole e rispetto della Natura.

La bellezza del Sesia il 25/5/2014

La bellezza del Sesia il 25/5/2014

Questo lungo cammino mi ha portato sabato sera, 24 Maggio 2014, a puntare la sveglia all’alba nell’unico giorno di riposo della settimana. Domenica alle 4.40 il sogno mi ha fatto svegliare laddove la sveglia da sola avrebbe fallito. Alle 6.15 barbellando di freddo facevo il primo lancio nel Sesia. Alle 11.30 sudando nell’afa della bassa pressione lanciavo una grossa esca di quasi 15 centimetri. A lanciare era la Bangher Rod, quella canna specialissima la cui costruzione, costata un anno di prove e ricerca, era stata pensata apposta per Lei. Ero lì sul fiume e questo è l’importante, ero lì con la mia storia alle spalle ed un grande sogno nel cuore. Inseguivo l’incontro con Lei. Lei esiste. Lei ha risposto fermando l’esca come un macigno nel profondo del fiume. Immobile sul fondo mi ha fatto capire che era grossa. Molto. Non si è mossa dopo la mia prima ferrata.

L’ho ferrata ancora due volte sentendo che quel fondo ondeggiava, sbranchiava, era vivo. Ha iniziato a dirigersi con fermezza verso monte, verso una schiuma bianca di corrente. Mi ha fatto paura. La frizione chiedeva pietà ma io ho provato a forzarla, volevo accompagnarla verso valle lungo la lama e non farla intanare a monte nelle correnti. Penso di averle girato la testa, perchè ha incominciato a scendere, io tenevo la tensione sulla lenza e cercavo di non pensare a quanto fossero spaventose le testate ed i colpi che sentivo arrivare dal fondo del fiume.

Non l’avevo ancora vista, penso fossero ormai passati tre minuti ed io non l’avevo ancora vista, la trota stava accelerando la sua corsa con la corrente ed io stavo già correndo tra i sassi, sempre più grossi su una sponda sempre più ripida.

Trota Marmorata del Sesia: la livrea più bella del mondo!

Trota Marmorata del Sesia: la livrea più bella del mondo!

Ricordo di aver anche messo i piedi tra le spire di un grande serpente, ma non era certo un problema una lunga biscia d’acqua, neppure un leone mi avrebbe fermato; sapevo che era Lei, ma non sapevo ancora se sarei riuscito ad averla. Mi superò nella corsa verso valle e per la seconda volta mi fece paura. Iniziai a cercare di frenare la sua discesa ma non potevo forzarla, troppo sforzo sull’attrezzatura. La vidi. Se ci ripenso mi si ferma ancora il respiro. Era davvero grande e vedevo che dava colpi a destra e sinistra con quella testa enorme, alternando questi movimenti a delle vere e proprie capriole. Era lunga ed era alta, massiccia come la più forte delle trote!
Ormai avevo affannosamente percorso circa cinquanta metri verso valle, la sponda era difficile, sempre più ripida e con sempre più vegetazione, ma soprattutto in fondo alla lama c’era un salto d’acqua violento. Ebbi paura per la terza volta. Se fosse arrivata al salto non avrei potuto tenerla. Ma nella sua lotta fece un errore: le sue capriole, girandosi su se stessa si era avvolta, arrotolata, nel filo… dalla testa fino alla coda. Non nuotava più. La sua mole nella corrente era comunque una fortissima trazione, ma almeno mi fu possibile abbattere la canna verso la riva e forzare leggermente il recupero. Dopo un lasso di tempo che mi è sembrato di ore, ma che probabilmente è durato 5 o 6 minuti, ero accanto a lei, nel guadino non entrava, sia per la mole, sia perchè il filo la teneva ormai per la coda; il guadino l’ho usato per spingerla contro le radici della sponda, mentre cercavo io stesso di non finire troppo dentro il fiume avendo ormai l’acqua alla cintura. Lanciata la canna sulla riva ho avuto paura un’ultima volta: con la destra ho afferrato il suo testone e l’ho girato dentro la rete. Avevo preso il Sogno e lo tenevo davanti a me nell’acqua. Telefonai subito al Maestro che insieme a Flavio Riva, grande guardapesca, in cinque minuti fu da me. Con il loro prezioso aiuto ho potuto avere delle belle foto ed il video del rilascio. Quando l’ho vista sconfitta, senza forze accanto alla canna, ho avuto una profonda sensazione di pena.

Bangher Rod

La splendida Bangher Rod ed il Twin Power Japan accanto al loro destino!

Mi sentivo in colpa per averla umiliata. Quella divinità del fiume davvero poteva essere presa e sconfitta? Di certo ucciderla mi avrebbe ucciso.

Oggi so con certezza quello di cui un tempo dubitavo: se prendi il pesce dei sogni desideri con tutto te stesso liberarlo. Non puoi uccidere il tuo stesso sogno!

Piano piano ha recuperato le forze ed è tornata nel mio, nel nostro fiume. (Clicca qui per il  Video del Release ! N.d.R.)

Ora la caccia è finita? No, ma di certo è finita l’ossessione, mi sento libero e fortunato. Se ripenso a Lei mi vengono quasi le lacrime agli occhi, vorrei parlarne con papà a cui dedico la cattura se ha un senso farlo; comunque posso parlarne con tutti voi ed è straordinario. Mi scuso se vi ho annoiato con questo lungo racconto, ma speravo di farvi capire perchè quella trota non è solo una trota, è un traguardo ed un punto di svolta in un percorso, rappresenta valori, affetti, storie di vita incrociate, è il sogno che ho vissuto e che non mi ha deluso in nulla… è stato tutto fantastico e sono pieno di gratitudine nei confronti della vita, del fiume e di tutti coloro con cui condivido questa infinita passione nei suoi valori più belli.

Se avete letto fino a qui avete senza dubbio guadagnato credito presso gli dei della pesca, ricordatevene al prossimo lancio quando vi concentrerete figurando il vostro sogno all’altro capo della lenza. Infatti le grandi catture sono figurazioni della mente. I pesci enormi esistono solo perchè i pescatori riescono ad immaginarli!

See you spoon

Rock’n’Rod

55 Comments

  • liuis ha detto:

    Anche me è capitato di catturare dell Trote di misura abbastanza importante[Fario, Lacustri, Iridee, e anche qualche Marmorata] intorno ai 40-45cm
    Ma non mi è mai capitato di fare una simile cattura
    Una di quelle catture che ti alzano l’andrenalina fino alle stelle, che ti danno una di quelle sensazioni che sono indescrivibili, una di quelle sensazione che ti rimarranno nella memoria per sempre, un sogno di tutti i pescatori che amano questa disciplina[me compreso] –catturare una MARMORATA– la preda dei tuoi sogni e tu ci sei riuscito
    COMPLIMENTI….COMPLIMENTI….COMPLIMENTI…
    PS…..Sempre e comunque C&R [Rispetto per le nostre avversarie]
    un saluto liuis

    • Fabrizio ha detto:

      ho letto il tuo racconto che trasuda passione ,quella vera,per il”tuo” fiume, per la regina (la marmorata) e per la natura in generale , mi hai fatto appassionare ed immedesimare li al tuo fianco con la canna piegata a seguirla lungo la sponda…….uno spettacolo, chapeau !!!!
      ho avuto la fortuna di fare catture simili ( qualche anno fa ) e ti capisco benissimo quando parli di un sogno che si realizza 🙂
      sono davvero contento per te
      Fabrizio

    • Pietro Invernizzi ha detto:

      Grazie infinite Liuis, ti auguro di trovare sempre di pescare sempre di più le emozioni ed i ricordi che cerchi 😉

  • Matteo ha detto:

    Bastano tre parole: “HO I BRIVIDI…”

  • frenciccio ha detto:

    Fish of a lifetime

  • Manolo ha detto:

    raccolto molto emozionate, romantico (sopratutto la prima parte). Da leggerlo tutto in un fiato con gusto e avidità adolescenziale!
    Ma non ho capito, forse mi sono perso, lunghezza e peso?
    a presto,
    Manolo

    • Pietro Invernizzi ha detto:

      Grazie Manolo. Lunghezza e peso le ho omesse volutamente dal racconto, per non dargli troppa importanza… perché finalmente non voglio più che sia un’ossessione, perché il sogno non è quantificabile… 😉 In realtà la lunghezza la dichiaro nel video: 81 cm, peso stimato sicuramente sopra i 6 kg, probabilmente meno di 7 kg. Alto Sesia. Ciao! A presto

  • Jacopo Savoia ha detto:

    Grande, grandissimo. Bella, bellissima.

  • Edoardo ha detto:

    Non ci sono parole, congratulazioni!

    Spero un giorno di provare un emozione quantomeno simile. BRAVO!

    • Pietro Invernizzi ha detto:

      Grazie mille Edoardo! Auguro la stessa fortuna a tutti i pescatori che rispettano profondamente l’ambiente ed i pesci, specialmente quelli a rischio come la Marmorata! C&R rigoroso per lei 😉 Grazie ancora! A presto

  • Riggi Diego ha detto:

    Bravissimo Pietro! Sono contento che l’abbia presa tu e che tu abbia realizzato il tuo sogno! Non riesco nemmeno ad essere bonariamente invidioso perché ti leggo sempre e so che trote simili vanno meritate, appunto sacrificandosi ad alzandosi prestissimo, pescando con esche generose rischiando magari anche il cappotto, conoscere i posti dove si pesca come le proprie tasche, insomma, sono trote che non si prendono per caso!
    Quindi non mi rimane altro che farti un in bocca al lupo per ribattere il tuo record, e spero un giorno di poter pescare insieme a te per vedere il Sesia come tu lo vedi. 🙂
    Ciao Boss!

  • mauro ha detto:

    Grande, Pietro! questa è la mia reazione

  • Mimmus ha detto:

    Il pesce di una vita!

    Vi invidio: invidio i vostri fiumi meravigliosi, grandi, profondi, ben gestiti.
    Qui la pesca alla trota è fatta di torrentini, buche, rovi, arrampicate ma sto imparando a capire (dopo taaaaaaaaaaanti anni. guarda se ti va l’album “Old Times” sul mio account Flickr https://www.flickr.com/photos/viggiani/sets) che le trote grosse (parliamo di un paio di kg al massimo!) sono anche lì. E lo sto capendo a mie spese: ne ho già perse diverse per sottovalutazione.
    Ma ormai è diventata un’ossessione, rinuncio alla pesca in fiumetti pieni di trote ‘standard’ da 25-30 cm, scelgo quelli apparantemente senza vita, magari a fondovalle o anche un po’ inquinati, ma dove so che, in qualche grossa briglia, sta in attesa la ‘nonna’, quella che ha passato indenne i mali endemici della mia terra: siccità estiva, frotte di padellari incalliti, bracconieri.

    Ancora complimenti per la tua meraviglia

    • Pietro Invernizzi ha detto:

      Grande Mimmus e grazie per i complimenti!
      Comunque è così che si fa: cerchiamo con ostinazione il pesce dei sogni lasciando tranquille quelle che devono crescere 🙂 E battiamoci più che possiamo per preservare, o in alcuni casi ripristinare, ambienti acquatici e fauna ittica! Ti auguro di vedere invertita la tendenza anche dalle tue parti: che l’ambiente migliori, che il “rilascio consapevole” si diffonda e le trotone non siano un miraggio! A presto
      p.s. Cmq la taglia è relativa, in certi fiumi dei balcani marmorate come questa sono relativamente frequenti, mentre nei torrenti dell’appennino la tua fario da 2 kg è sicuramente un pesce da ricordare!

  • Andrea ha detto:

    complimenti! per tutto! il racconto è quasi più bello dell’immenso e superbo pesce che hai preso, il che è tutto dire…Il mio sogno a differenza del tuo ha il becco ed i denti, e capisco esattamente il sacrificio, la fatica, ed il cercare di migliorarsi costantemente per realizzarlo…

    complimenti davvero!

    Andrea

  • Vito "Tsurikichi" ha detto:

    Il tuo articolo è semplicemente meraviglioso.
    Scritto con la testa, scritto con il cuore. Insomma, è come il Tè Infrè, buono qui e buono qui!
    Scherzi a parte, ci sono frasi che meritano di entrare negli annali della pesca.
    Mi sono rivisto in tutto (tranne che nella foto con il trotone della vita, maledetto! 😀 )
    Complimenti, complimenti ancora.
    Spero di incrociarti presto sul fiume…

  • Gianluca ha detto:

    COMPLIMENTI!!!! Pietro, unisco le mie congratulazioni a quelle di tutti gli altri…. nel tuo racconto mi sono talmente immedesimato che è come se quella bellissima marmorata l’avessi catturata un pò anche io insieme a te.
    P.S.
    qui bisogna aumentare le dimensioni delle esche… che ne dici di un bel crankone da 12 cm ?!?!? 🙂 🙂 🙂
    a presto ciao
    Gianluca

    • Pietro Invernizzi ha detto:

      Ciao Gianluca!
      Dico che 12 cm se cerchi marmoratone va benissimo… io spesso vado fino a 15, quasi mai sotto ai 9. Molto raramente mi spingo fino ai 18… Però attenzione, per usare esche del genere tutta l’attrezzatura, canna, mulinello, filo, finale, moschettone, anellini, ami/ancorette deve essere proporzionato ed adeguato di conseguenza… etc. etc. Scusa se lo dico, probabilmente lo sai già benissimo 😉 Spesso vedo gente che va a trote con lo 0.20 e poi, davanti a una bella buca, mette un CD11 o un bel crankettone come se niente fosse e lancia per cercare la big… con il rischio altissimo di lasciare l’esca in bocca alla big!
      Un’ultima cosa… pescare con costanza con esche grosse in torrente significa diminuire drasticamente il numero di catture per via dell’esca selettiva… un sacrificio insomma, in vista di un sogno più grande 🙂 A presto! Rock’n’Rod

  • Davide ha detto:

    Grande articolo! Grande cattura! e grandi Foto! Complimenti!

  • babbogabri ha detto:

    Bravo Pietro! Sei un grande!

  • Gianluca ha detto:

    Non so se sia più bella la cattura o il modo in cui l’hai raccontata.
    Volevo chiederti numi sulla bontà del twin power (è il 4000xg vero?).
    Ho appena preso una canna da grandi laghi alpini-e pescioni di fiume, mi consigli di abbinarci quel mulo?

    • Pietro Invernizzi ha detto:

      Ciao Gianulca!
      Grazie dei complimenti, come ti dicevo via messaggio su Facebook, il Twin Power xg Japan è una bomba! Ovviamente va bilanciato bene con la canna e bisogna tenere presente che non è tra i più leggeri, ma ha una fluidità ed una frizione da vero top di gamma!

  • massimo ha detto:

    Ciao Pietro, complimenti per la cattura! Come giustamente dicevi anche l’aspetto dell’attrezzatura è molto importante. Potresti condividere con noi i dettagli della tua Bangher Rod?Mi sembra di capire sia una bella custom.
    Inoltre che linea madre-finale usi?
    Grazie mille!
    Ciao!

  • Pietro Invernizzi ha detto:

    Ciao Massimo,
    la storia della Bangher merita un articolo a parte… è stata una vera “visione” inseguita per oltre un anno. Doveva essere ed è diventata la mia canna dei sogni per le marmorate del Sesia. Ci sono molte peculiarità ed aneddoti sulla sua realizzazione; ve li racconterò. Mi limito a dirti che il grezzo è Saint Croix Avid Steelhead and Salmon SCIII, 9′ 2 oz, non verniciato; anelli tysg k4 Fuji titanium, portamulinello custom 100% in titanio a doppia ghiera montata in alto, nessuno spessore tra grezzo e portamulinello né tra grezzo e sughero, portoghese aaa+. Manico piuttosto sottile. Dettagli in noce piemontese antico ricavato da un residuo del portone di una chiesa… Assemblaggio calcolato e bilanciato sul mio avambraccio e sul mulinello prescelto in modo da avere il giusto cono di uscita del filo tra bobina e primo anello ed un leggero sbilanciamento in avanti per favorire lanci anche di esche leggere rispetto al casting weight dichiarato.
    Assemblaggio, legature (verde oliva con un dettaglio di giro verde acido) e scritte realizzate a mano ad opera dell’amico e grande maestro Eugenio Avico.

    Lenza madre che imbobina il Twin Power xg japan 4000 è un Power Pro 8 slick 30 Lb (mi pare 0,23mm), finale lungo circa 1,80 mt in fluorocarbon 0,35 Shimano Aspire; nodo albright.

    IN ROD WE TRUST

  • Movtan Fishing App ha detto:

    Some great looking fish on this website; Nice Catch.

  • andrea franci ha detto:

    Complimenti, davvero magnifico il pesce e bellissimo il racconto.
    Mi ha emozionato profondamente. Spero presto di realizzare anche io il mio sogno, non un marmorata cosi grande, ma un pesce che mi dia le stesse emozioni che hai provato tu..

    Un abbraccio
    Andrea

    • pietro invernizzi ha detto:

      Grazie mille Andrea! Te lo auguro anche io 😉 Se lo vuoi con tutto te stesso prima o poi il sogno lo realizzi! Tight lines! Rock’n’Rod

  • pescadur ha detto:

    Mi daresti qualche informazione in più sulla “bangher rod” perfavore?

  • pescatore ha detto:

    Sai se la trota è stata ricatturata?

  • Davide ha detto:

    Un sogno che si tiene tra le mani. .
    Una sensazione provata.
    Un racconto entusiasmante!
    Bravo Pietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *