Pesca&Fidanzata – Quando un pescatore non pesca

the_fisherman_of_giant_octopus_by_riolcrt - Immagine presa da DeviantartCi si è trovata in mezzo non per sua scelta. Poco a poco ha iniziato a studiarla con diffidenza, l’ha approcciata e ormai interiorizzata. Nelle parole di mia moglie alcune grandi verità sulla pesca con la “p” maiuscola.

La pesca non è solo uno sport, un hobby, una passione, un’ossessione… la pesca è anche e soprattutto altro.

Jacopo non va a pescare, purtroppo, da troppo tempo, per causa di forza maggiore, anzi le chiamerei forze maggiori: noi tre femmine/zavorre che si è ritrovato, volente o nolente, in casa. La zavorra in realtà credo di essere solo io, perché le due piccole sono un piacere al quale mai rinuncerebbe…sulla sottoscritta ho già scritto abbastanza e raggiunto la consapevolezza che se mi definisco zavorra in campo alieutico lo faccio anche con un discreto orgoglio!

Dicevo che non va a pescare da tanto, troppo tempo: per senso del dovere, per desiderio di essere presente, per voglia di aiutare… tutte motivazioni più che onorevoli e che lo fanno apparire ai miei occhi ancora più amabile di quanto non sia (!) ma il contrappasso c’è e si sente. Le motivazioni, per quanto nobili, non cambiano il risultato: non va a pesca.

Ultimamente mi sono interrogata più volte sul perché, e sono giunta a una conclusione granitica. La pesca è uno stato mentale, non la mera azione dell’andare a pescare, la preparazione, la scelta del luogo, della compagnia, del momento. No. La pesca è prima di tutto un’idea, un pensiero, un’esigenza che si trasforma in azione.
Se Jacopo non ha la mente libera, non andrà a pescare.
Se Jacopo non “sente” la pesca, non andrà a pescare.
Se Jacopo è concentrato su altro, non andrà a pescare.

Intendo dire che se, per qualsiasi ragione, non crede di poter essere sul fiume al 200% sia fisicamente che mentalmente allora non si schioderà da casa. E questo, ancora una volta, mi conferma che la pesca è un’amante esigente, che non si adegua per nulla, che sa ciò che vuole e se lo prende; e che se non ha ciò che vuole non si accontenta dei rimasugli di fine giornata, come spesso succede a noi compagne di vita.

Chi va sul fiume, sul lago, al mare, SOLO per rilassarsi non è un vero pescatore.

La pesca non rilassa, si vive, per un’ora, per mezza giornata per una settimana, non importa, ma si vive appieno, senza risparmiarsi, senza tenersi, come gli ultimi dieci metri di una corsa. È un’amante esigente, l’ho già detto, perché richiede un’attenzione che va oltre il 100%: ma per servirla bisogna essere predisposti, bisogna asservirsi ed essere consci che per il tempo a lei dedicato non si può né si deve pensare o fare altro, non sono concesse distrazioni.

Quando il mio pescatore sostiene, dopo essere andato sul fiume, che gli siamo mancate, so che è vero, ma che in fondo mente. No, non gli siamo mancate perché non ci ha proprio pensate e, in tutta onestà, forse non mi dispiace nemmeno, anzi un po’ lo invidio: invidio la capacità di isolarsi e di astrarsi nel fare una cosa che si ama, nel non sentire la fatica, nel dedicarsi appieno, concedersi davvero il piacere di un piacere.

Io non ne sono capace, per esempio, sia caratterialmente sia perché sono donna e madre: ogni volta che mi dedico a qualcosa o qualcuno ci sono sempre altri sette milioni di retro pensieri o “liste di cose da fare” da compilare mentalmente, che mi inibiscono quasi naturalmente (!) qualsiasi tipo di rilassamento mentale o corporeo.

Quando torna da pesca, Jacopo, è sereno, è appagato, è tranquillo. Il nervosismo è scomparso, la stanchezza mentale dell’ufficio è sostituita da quella sana e bucolica della sfida alieutica, è pronto a donarsi a noi in un modo più sano e felice. Quindi sì, la pesca è altro, molto altro, e io forse, con gli anni, con un po’ di rassegnazione e un po’ di orgoglio, sto iniziando non dico ad apprezzarla, perché sarebbe troppo, ma, con un po’ di presunzione, oso dire che inizio a capirla.

E tutto sommato, questa sarà forse la prima e ultima volta che lo scriverò, non mi spiace affatto combattere con una rivale di questa levatura!

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *