A pesca in Madagascar – part.1

Tazar - o Spanish Mackarel - pescato nelle acque del Madagascar
Tazar - o Spanish Mackarel - pescato nelle acque del Madagascar

Tazar – o Spanish Mackarel – pescato nelle acque del Madagascar

Difficile raccogliere le idee e raccontare quello che sono state le innumerevoli emozioni vissute da me e i miei compagni nel pescare le acque del Madagascar.

Facendo fede al mio stile sintetico cercherò – al meglio delle mie capacità – di raccontarvi questa incredibile esperienza.

Mettendo insieme i pezzi ho deciso che questo racconto verrà diviso in 3 diversi articoli : uno di racconto, uno di video ed un intervista finale

Cominciamo

Milano, quartiere Isola.

Era una cupa Domenica di metà Gennaio, suona il telefono.

E’ il mio amico toscano, anzi Aretino, Tommaso – compagno di pesca da una vita.

Con l’entusiasmo che lo contraddistingue mi dice che sta organizzando una battuta di pesca in Madagascar, dal 22 al 30 Aprile, 4 pescatori, solo popping e jigging, niente lodge si sta solo in barca e si pesca tutto il giorno.

Poi aggiunge ‘però devi decidere adesso’.

Respiro e dico ok.

Milano, 22 Aprile, Aereoporto di Malpensa

Finalmente abbraccio i miei compagni di pesca :

Tommaso :
Amicizia antica nata sul moletto del mare. Cacciatore super top. Pescatore appassionato.

Alessandro :
Amico fraterno di Tommaso, Aretino anche lui. Ho pescato con lui in Corsica, raramente ho trovato persone con entusiasmo più grande.

Maurizio :
Anche lui aretino. Pescatore letale, esperto ed elegante. Ha pescato in giro per tutto il mondo

Sistemiamo i tubi delle canne, controlliamo il tutto, pacche sulle spalle e … sapparte Madagascar !

Il volo passa in fretta – partiamo alle 22.30 in perfetto orario e io dopo 1 oretta di chiacchiere mi addormento e mi sveglio mezz’ora prima dell’atteraggio a Nosy Be.

Scesi dall’aereo veniamo travolti dal caldo e dal sole del Madagascar – ci infiliamo in aeroporto, sistemiamo le faccende burocratiche e troviamo subito il capitano della spedizione, il mitico John Peluffo, fuori dall’aeroporto pronto a portarci all’imbarco.

Dopo mezz’ora di strade sterrate arriviamo in una baia meravigliosa dove ci aspetta il “blue marlin” – uno splendido catamarano da pesca.

Primo incontro con il Blue Marlin, magnifico catamarano da pesca in Madagascar

Primo incontro con il Blue Marlin, magnifico catamarano da pesca in Madagascar

Velocemente sfiliamo i vestiti italiani, infiliamo il costume da bagno ( per poi non togliercelo più fino al ritorno in Italia ), portiamo le valige a bordo e via : comincia l’avventura.

Da sx Maurizio, Alessandro,  Io e Tommaso

Da sx Maurizio, Alessandro, Io e Tommaso

La prima tappa è il calypso : la barca madre sulla quale dormiremo e mangeremo.

Per i prossimi giorni ci sposteremo pescando le acque a Nord del Madagascar, e lentamente a terra il calypso ci seguirà lungocosta per avere sempre una base non troppo distante per fare ritorno e riposarci.

Nella Blue Marlin siamo in 7 : noi 4 pescatori, 2 membri di equipaggio Baba ( che in Malgascio significa Nonno ) – che ci prepara un ottimo caffè e ci aiuta nelle operazioni di preparazione dell’attrezzatura e Thierry che assiste le operazioni di pesca.

Nel tragitto che ci porta al Calypso ovviamente ci fermiamo su una mangianza di bonito e subito colpiamo : metal jig recuperato rapido su una mangianza ed è subito strike.

Facciamo anche a tempo a fermarci in qualche spot da jigging e subito escono le prime prede : Carangidi, Rusty, Cernie.

Release "elegante"

Release “elegante”

Ma senza insistere troppo nella pesca – per quella ci sarà tempo – raggiungiamo finalmente il calypso.

Calypso - la nostra barca madre in Madagascar

Calypso – la nostra barca madre in Madagascar

A bordo del calypso ci sono altri 2 membri di equipaggio, un cuoco che si rivelerà INCREDIBILE e un marinaio.

Ci sistemiamo nelle nostre cabine, pulite e confortevoli, e subito a tavola !

Menù ?

carpaccio di marlin, insalata mista e frutta tropicale: TOP !

Carpaccio di Marlin

Carpaccio di Marlin

Ovviamente siamo super eccitati.

tipo bambini l’ultimo giorno di scuola.

Tempestiamo john di domande:

“Ci sono pesci?”
“Conviene pescare più così o cosà?”
“Prendiamo tanti o tantissimi pesci?”
“Peschiamo dall’alba al tramonto oppure sempre?”

John – sogghigna.

John risponde “vediamo, qualche pesce lo prendiamo sicuramente”

John Peluffo - il miglior pescatore del Madagascar

John Peluffo – il miglior pescatore del Madagascar

Beh.

Non vi farò un report giorno per giorno – troppo complicato.

Vi racconterò una giornata tipo e vi anticipo un dato.

“qualche pesce?”

4 pescatori, 5 giorni di pesca , allamati circa 300 pesci tra i 2 e i 15 kili.

Tecniche 90% vertical, 10% spinning.

This is Madagascar.

Dicevo giornata tipo ?

Sveglia alle 6

Prima colazione, caffè, pane burro e marmellata, succhi di frutta.

Partenza alle 7

Entusiasmo alla partenza

Entusiasmo alla partenza

Arrivo sullo spot mediamente alle 9

Pescare

Maurizio in combattimento

Maurizio in combattimento

Pescare

Tommaso in combattimento

Tommaso in combattimento

Pescare

Maurizio con GT

Maurizio con GT

Pescare

Tommaso con Rusty

Tommaso con Rusty Jobfish

Alle 13 rientro al calypso

Mangiare benissimo

Tipo così

aragoste

Caffè, sigaretta, aneddoti e pescare

Alessandro in Azione

Alessandro in Azione

pescare

Io con un discreto Tazard / Spanish Mackarel

Io con un discreto Tazard / Spanish Mackarel

pescare

Tommaso con un GT

Tommaso con un GT

pescare

Tommaso con una bella Cernia

Tommaso con una bella Cernia

poi “coup de soir”, magari a spinning e magari sotto costa beccare frenesia di carangidi a popping

Tramonto in Madagascar

Tramonto in Madagascar

18 è tramonto, alle 19 si arriva in barca

Aperitivo, noccioline, aneddoti, doccia e cena

Ma tipo che la cena si mangiucchia cose così

Cena modigerata part 1

Cena morigerata part 1

e così

Cena modigerata part 2

Cena morigerata part 2

 

Dopocena chiacchiere, aneddoti di John e a letto presto

ecco – ripetete questo per 5 giorni.

Nelle trasferte da uno spot all’altro non è mancato

fermarsi in posti meravigliosi a fare il bagno

Madagascar

Madagascar

vedere delfini

Delfini in Madagascar

Delfini in Madagascar

trovare squali sotto la barca che cercano di fregarti il pesce

Thierry e pesce mozzato da squalo in Madagascar

Thierry e pesce mozzato da squalo in Madagascar

insomma in una parola EPICO

l’armonia a bordo è stata totale

Tutto qui ? E i big fish ?

sì – ci sono anche loro.

Ho passato la vacanza a lamentarmi di aver pescato con attrezzatura troppo pesante

Shimano Jigwrex 300 – Shimano stella PG 20000 bobinato con powerpro 90lb e finale fluoro 100 lb, ami enormi indistruttibili.

Shimano Jigwrex 300 – Shimano stella PG 20000 bobinato con powerpro 90lb

Shimano Jigwrex 300 – Shimano stella PG 20000 bobinato con powerpro 90lb

Allami un carangide di 5 kili ? Tric e Trac e via, a bordo.

Allami un GT di 10 kili ? qualche fuga e a bordo.

Unico problema i Tazard e i Wahoo che con la loro fetida dentatura strappano tutto senza sforzo.

Ma quello fa parte del gioco.

I miei compagni anche loro pescano con attrezzatura top.

Shimano stella – canne da jig super – tra cui la mitica Kazzuredda fatta a mano da Ambermax.

John al mio lamentare dice “Tu non hai capito, tu sei l’unico a bordo che se abbocca un pesce importante hai qualche possibilità di tirarlo fuori”

Io sono perplesso.

Anzi lo ero.

Perchè un giorno, pescando sul drop della piattaforma continentale, circa 70 metri d’acqua vicino al baratro, mi convinco di aver preso il fondo.

Smadonno.

Chiudo la frizione che non riesco più a fare uscire il filo.

Tiro ferro giro.

tutto immobile.

John cerca di aiutarmi con i motori niente.

Solo bestemmie – non voglio tagliare il filo.

Sono fermo e improvvisamente il fondo mi tira due testate da farmi perdere l’equilibrio.

Improvvisamente il mio stato d’animo cambia – infilo la canna nella cintura e sento che il fondo “parte” e prende filo da quella frizione chiusissima ( sarà stata almeno 10 kili ) come niente.

Mi sono sentito completamente impotente.

Neanche il tempo di capire cosa stava succedendo che ho sentito un calo di tensione inconfondibile : ha mollato.

Tiro su imprecando e niente, non si sa come ma ha sputatoil tutto

Guard John, che sogghignando mi ha detto “ecco, quella era una cernia sopra il quintale – ora hai capito cosa dicevo io. Pesci così quando abboccano neanche se ne accorgono”

Ma non è stato l’unico incontro.

Ci è capitato di combattere faticosamente – anzi molto faticosamente – con un BIG GT ( John dice che sarà stato almeno 30 kili).

Sì – non l’abbiamo visto, però ci ha lasciato un ricordo:

Amo tranciato da enorme GT

Amo tranciato da enorme GT

Ecco, un amo così io neanche con le tenaglie più appropriate riesco a spezzarlo così.

I Big ci sono eccome, è difficile selezionarli – ma quando arriva il momento ci vuole tutto: esperienza, sangue freddo, un attrezzatura al top e come sempre un po’ di culo.

I giorni sono volati, abbiamo pescato non solo una quantità di pesce importante ( rilasciandone naturalmente il 90% ) – ma anche una varietà pazzesca : rainbow runner, yellofin tuna, bluefin tuna, dogtooth tuna, wahoo, tazard, barracuda, crocrodile fish, almeno 10 tipi di carangidi diversi, cernie di tutti i tipi, snappers e molti altri.

Thierry con un Red Snapper simile ad un nostro Corazziere

Thierry con un Red Snapper simile ad un nostro Corazziere

Ale e Tommaso con un big GT

Ale e Tommaso con un big GT

Io con un pesce non identificato

Io con un pesce non identificato

Ricciola Malgascia

Ricciola Malgascia

Ale e Tommaso con un altro Big Gt in Madagascar

Ale e Tommaso con un altro Big Gt in Madagascar

Io e Ale con un Dogtooth Tuna

Io e Ale con un Dogtooth Tuna

Ale e Tommy con un big Wahoo

Ale e Tommy con un big Wahoo

Yellofin smangiucchiato da squalo

Yellofin smangiucchiato da squalo

Al ritorno ci siamo fermati una notte a terra per arrivare comodi all’areoporto ( il volo era alle 8 del mattino ).

Un ultima cena come si deve – ancora racconti e risate, e poi tutti a letto.

Tornando i pensieri e le sensazioni si mischiavano – cercando di capire quello che avevamo appena vissuto.

Tornerò a trovare John, il blue marlin, e quella cernia che ora sarà nel suo sasso ad aspettare il mio incauto Jig.

Ma come anticipato non è tutto.

Nel prossimo un paio di video vi racconteranno in modo spettacolare qualche altro dettaglio della vacanza.

Rock’n’Rod

 

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *