Idee per l’apertura della trota. Porta-artificiali morbido

soft foam case for fishing lures

soft foam case for fishing luresE’ da parecchio che giro intorno all’idea di un portaesche morbido! In particolare penso allo spinning in torrente dove serve avere comodità, leggerezza e massima velocità nel cambio degli artificiali, senza grovigli di ancorette. La soluzione? Il foam.
L’idea non è mia, ne ho uno vecchissimo della “Héron”, ma sta perdendo colpi; ne ho visto uno a “libro” importato dal giappone; un amico ne ha uno d’epoca della francese “Astucit”, ma in rete non se ne trovano, solo uno da moschisti della “Daiwa gold” ma costa sui 40 euro…

Finalmente ieri sera ho provato a farlo da me… facendolo alla buona, senza curare i dettagli (estetica, sbavature, etc.) in 10 minuti ho ottenuto un risultato pienamente soddisfacente …una figata!
Credo durerà una stagione… ma va bene così, ci vuole poco a rifarlo e serve allo scopo… Inoltre è un prototipo, lo miglioreremo! Tenete presente che le foto che riporto qui sono del prototipo fatto veramente in fretta, con un po’ di cura si può fare molto più bello ed adattarlo alle proprie esigenze.

Portafoglio porta esche in foam

Materiali per l’astuccio porta esche in foam

MATERIALI:

• Foglio di foam (tra 2 e 4 mm)
• Foglio di plastica semi-rigida (tipo confezione cioccolatini, involucro pacchetto sigarette)
• Forbicine affilate / Cutter
• Accendino
• Colla super potente x plastica
• (Opzionale: strisciolina di velcro)

COSTRUZIONE:

astuccio_portaesche

Incollaggio strati di foam (calcolate le misure sulla base delle tasche del giubbino, considerate di piegarlo)

1. Tagliare il foam nella dimesione desiderata pensando alle tasche del giubbino ->lo ripiegheremo in tre -> calcolare di raddoppiare lo strato di foam su 2 parti incollando rettangoli di foam ritagliati a parte.
Mettere la colla uniformemente sulla superficie, soprattutto sui bordi.(Attenzione a non inalare e non avvicinare agli occhi!)

porta artificiali in foam

Se la “parete” che separa gli ami è rivestita da plastica semi rigida, le punte degli ami non faranno presa

2. Incollare uno o più strati di plastica sulla parte NON doppiata (servirà a separare le esche ed evitare che gli ami si attacchino)
Incollarli su entrambi i lati, eventualemente rifinire i bordi a fiamma con passaggi molto veloci!(Attenzione: da fare all’aria aperta e senza inalare. Pronti a soffiare/spegnere se dovesse infiammarsi l’astuccio. Non è bello né respirare la diossina né rischiare l’incendio…)

porta artificiali in foam

Due striscioline di velcro o un nastro ci permetteranno di chiudere il portafoglio/portartificiali

3. Tagliare due striscioline di velcro e incollarle per ottenere un sistema di chiusura. (Non è necessario, ma è comodo)

soft case for your lures

Astuccio porta esche pronto all’uso!

L’astuccio è pronto, è morbido e si adatta alla tasca, trattiene perfettamente le esche senza che si aggroviglino tra loro. Non durerà molto, una o due stagioni, poi gli ami avranno rovinato troppo il foam… In 10 minuti ne costruirete un altro, il vecchio? Riciclate la plastica!

Nulla vi vieta di divertirvi a personalizzarlo con scritte, loghi… farne di ogni tipo di misura, a più strati, magari a rotolo o a libro…  Con foam più spessi per esche più grosse, o a più strati.. Inoltre potreste usare la pelle/cuoio e solo uno strato di foam dove vanno gli ami…HAVE FUN… funzionare, funziona! ROCK’N’ROD

soft foam case for fishing lures

L’astuccio chiuso di profilo! See you spoon

4 Comments

  • francescoguffanti ha detto:

    Bel lavoro Pietro! 😉

    Mi spieghi il perchè del doppio split prima dell’ancoretta sugli ardito…:-)
    Non mi sembra casuale…

    • pietro invernizzi ha detto:

      Grazie Francesco!
      In effetti non è casuale… mi sono accorto che con gli ondulanti, specie quelli un po’ pesanti (dai 12gr in su) la percentuale di trote slamate è un po’ troppo alta… specie se saltano. Penso sia dovuto al fatto che il peso dell’ondulante fuori dalla bocca fa una buona leva sugli ami; il doppio split aumenta un po’ il giogo tra amo ed esca e, mi sembra, ha diminuito le slamate. Meglio ancora con amo singolo, ma in quel caso aumentano i pesci persi sull’abboccata.

  • andreamonferrato ha detto:

    Ebbravi gli anonimi artigiani!
    Quando spinno uso da tempo un borsello della Ilba, marca ultimamente non troppo citata ma a cui sono affezionato. (ho verificato adesso sul loro sito e lo vendono ancora).

    • pietro invernizzi ha detto:

      Ciao Andrea, che piacere i tuoi commenti!
      Quello della Ilba è molto molto valido, grazie della segnalazione, niente male anche quello Mepps/PantherMartin oppure per esche più grandi quello Fox Rage: tutti però con anellini metallici…
      Vanno benissimo, però hanno dei difetti che il foam non ha: si incastrano gli ardiglioni, sono meno versatili nell’accogliere esche di diverse misure e, nel caso di due o più ancorette, queste restano libere; più l’uso di una zip; e gli anellini tendono ad arrugginirsi un po’. Sto facendo l’avvocato del diavolo, chiaramente vanno benissimo, ma il foam è diverso, non a caso è così comodo per le scatolette per le mosche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *