La stanza dell’autocostruzione – 26 – Ootanikontyuukan

Lui è giapponese e fa insetti che sembrano dei mostri in miniatura. Proprio come i veri insetti. Forse è per questo che funzionano così bene. Si è specializzato su queste creature che realizza esclusivamente top water per godersi il momento dell’attacco a galla dei bass, a cui dedica tutte le sue battute di pesca. Ha un nome che qui da noi è quasi impronunciabile ma nel Paese del Sol Levante è conosciuto come Ootanikontyuukan.

Il mio nome è Yuusuke Ootani, ho 31 anni e sono conosciuto tra gli autocostruttori col nome di “Padiglione degli insetti di Ootani” (Ootanikontyuukan). Lavoro come saldatore in fabbrica ma il resto del tempo lo passo a disegnare e creare esche. In più ho due figli, che però non hanno una madre. Quindi possiamo dire che il mio vero lavoro è stare dietro ai bambini (lol).

Da quanto peschi?
Ho iniziato a pescare a circa 3 anni. Mi ha insegnato mio nonno.

Quando hai iniziato a costruire? Ti ricordi la tua prima creazione?
La prima cosa che ho fatto risale a circa 20 anni fa. Ho intagliato selvaggiamente un ramo e ho fatto un popper. Da sei anni a questa parte invece mi dedico allo studio e alla costruzione di esche a forma di insetto.

Perché hai iniziato ad autocostruire?
Ho sempre lavorato con gli alberi, fin da quando ero bambino. Esattamente come la pesca. Sono finito inevitabilmente a fare esche… (risata). La molla per iniziare con gli insetti è stato il fatto che volevo creare le mie esche, anche guardando il lavoro di persone più qualificate.

Quando peschi che tecniche pratichi, dove e rivolte a che pesce?
La tecnica che preferisco in assoluto è il top water mirato al black bass. Ma mi piacerebbe provare a prendere qualsiasi pesce che si possa insidiare con esche di superficie, non solo i bass!

Quale è il tuo più grande vizio?
Una volta ho pensato di smettere di pescare… (lol)

Qual è il materiale che ami di più? E quale tecnica di costruzione?
Per tutte le mie esche uso resina uretanica che, per riprodurre gli insetti, va benissimo perché tendono ad affondare molto, e credo che sia il miglior compromesso tra la produzione in serie e la quaità del prodotto finito.

Nel corso degli anni, produttori e tecnologie hanno migliorato molto le nostre attrezzature da pesca, per te qual è stata la novità più utile e rilevante?
Non c’è niente di speciale (lol). L’evoluzione della pesca è incredibile ma le esche e le attrezzature del passato non sono assolutamente funzionali per la pesca moderna.

Qual è l’elemento che conta di più nel successo di un artificiale? Colore e realismo, equilibrio dei pesi e vibrazioni, forma e sua idrodinamica?
La ricerca del realismo. La filosofia che mi guida è “creare artificiali che i pesci mangiano senza esitazioni”. Per questo motivo mi sono arrischiato a realizzare esche con le zampe, anche se si tratta di un lavoro difficile: mantengo i particolari.

Ci descrivi i principali processi e fasi della costruzione di un tuo artificiale?
Produco prima il prototipo (creo un modello in legno) → faccio uno stampo in silicone → realizzo gli elementi base del corpo in resina → do la prima mano di rivestimento base → coloro → altro rivestimento → assemblo i pezzi → collaudo → rifinisco.

Quanto tempo dedichi all’autocostruzione e quanto alla pesca?
In questo momento faccio più o meno una trentina di esche e circa 10 uscite di pesca al mese. La costruzione di artificiali inizia dopo aver messo a letto i bambini. Tutte le sere, dalle 10:00 alle 02:00, è il momento dedicato all’autocostruzione.

Cos’è per te la pesca e cosa significa per te costruire esche?
Faccio esche perché voglio vedere il momento in cui il pesce mangia l’artificiale che ho creato io. Per questo continuo a lanciare le mie esche!

Qual è la tua marca di esche artificiali presente sul mercato preferita?
Non mi interessano molto marchi o produzioni industriali. Mi piacciono solo tutte le esche fatte da mano.

Qual è il tuo sogno di costruttore di esche?
Abbiamo iniziato a vendere in Giappone l’anno scorso. Sempre l’anno scorso ho mandato un’esca a un amico francese e grazie a Facebook abbiamo scoperto con piacere dai messaggi che ci sono arrivati che in molti sarebbero disposti a comprare le mie esche. In futuro mi piacerebbe creare una finestra per le vendite all’estero e vedere quante più persone possibile usare i miei artificiali.

Se potessi scegliere un altro costruttore a cui affiancarti, presente o passato, il più bravo, chi sarebbe?
Sono soddisfatto perché sto facendo qualcosa che voglio realmente fare.

Quali sono, nell’ordine, i primi materiali e attrezzi che consigli a chi vuole iniziare ad autocostruire? E con quale imitazione partire?
Prima di tutto, penso che sia meglio cercare di ricreare le forme volute con il legno di balsa! Perché si può lavorare liberamente da soli!

Che consigli daresti a chi si avvicina all’autocostruzione?
L’autocostruzione è veramente libera! Materiali, metodi di costruzione, dimensione, forma, ecc. non devono essere frenate dal buon senso. Voglio catturare i pesci con questo! Si prega di fare qualcosa di appropriato.

Per vedere tutte le sue esche o contattarlo direttamente, potete farlo dalla sua pagina Facebook.

———————————————————————————————————————————————————

My name is Yuusuke Ootani Age is 31 years old, lure builder name is “ootani insect pavilion (Ootanikontyuukan)”. I normally work at a factory and do welding work, but I am making lures at other times. I have two children, but the children do not have a mother. Therefore, childcare is my job (lol).

When did you start fishing?
I started fishing around 3 years old. I taught my grandfather how to use fish fishing with uki.

How long ago did you start to build lures? Do you remember the first bait that you’ve created?
The first thing I made is about 20 years ago. I sharpened the trees wildly and made a popper. It has been 6 years since I started making insect type lures like now.

Why did you start to build baits?
I used to work with trees since I was a child. And as much fishing as that. If you know how to make a lure inevitably (laugh). The reason for starting making insect type lures is that they wanted to make their own even by looking at the work of skilled people.

Which are the techniques of fishing you prefer? Where to fish? Which is the kind of fish you most like to catch?
My favorite style of fishing is a black bus surface only game. I would like to try whatever fish aimed at surface games, not just black basses!

Which is your biggest vice?
What I thought about stopping fishing (lol).

Which is your favorite material to construct the baits? And what construction technique do you prefer?
All of my lures use resin (fire urethane) Insect type lures are fine because they dig in a lot, so I think that this is the best when considering mass production efficiency and product quality.

Over the years, the technology of fishing tackle are much improved. In your opinion whic is the most important and useful innovation?
There is nothing special (lol). Evolution of fishing tackle is amazing, but lures made in the past and tools do not work at all with modern fishing.

Wich element most determines the success of a lure? Color and realism, weight balance and vibration, shape and hydrodynamics?
Pursuit of real. The theme of making my lure is “lure that fish eats without hesitation” for that purpose dare to make a lure with legs, even tough work, I am making a lure holding up the details.

Can you describe the main building steps of your lures?
Production of prototype (making wooden pattern with wood) → Make a mold with silicon → Production of elementary body with resin → coating → base making → coloring → coating → assembly → testing → completion.

How much time do you spend on building baits and how much on fishing?
It’s about 30 productions per month at a time when there are so many now. About 10 fishing seasons in a month. Lure production begins after finishing the children’s sleeping. Every day from 10 o’clock to 2 o’clock in the evening is the time to make a lure.

What does it mean for you fishing? And what does it mean for you to build lures?
I make a lure because I want to see the moment the fish eats the lure I made. I want to see that moment so I will keep throwing my own lure!


What is your favorite brand of lures, including those on the market?
I am not very interested in marks and brands. I just like all the lures made by handmade.

What is your dream as a manufacturer of baits?
We began selling lures in Japan since last year, and last year I sent a lure to a French friend for the first time and learned from overseas people via Facebook from there. I was really happy to receive a message that many people would like us to sell lures. In the future I would like to establish a window for overseas sales and use as many people as possible my lure.

If you could work with another manufacturer of lures – past or present – who would you choose?
I am satisfied because I am making something I want to make.

What are the first materials and tools that you’d to advice to anyone who wants to start to build baits? And with what kind of imitation (crank, floating minnow, deep diver …)?
First of all, I think that it is better to try to make shapes as you like with basic balsa wood! Because it is made by oneself freely!

What advice would you give to those just beginning to build baits?
Lure making is really free! Materials, construction methods, size, shape, etc. are not captured by common sense or basic. I want to catch fish with this! Please make something called.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *