Il risveglio dei bass

Black bass di 52 cm preso a spinning in una cava vicino a Milano
Giovedì scorso, spinto dalla notizia che i bass hanno iniziato ad azzannare le esche, decido di provarci. Ho la sveglia puntata alle cinque. Mi sveglio alle tre e mezza e non riesco più a riprendere sonno. Esco di casa con parecchio anticipo e arrivo sullo spot che è ancora molto, molto buio. Nel tragitto mi diverto a vedere i rimasugli umani che rotolano fuori dalle discoteche. Monto la canna al volo e sono sull’acqua. Silenzio e buio.

Innesco la gomma a texas e inizio a lanciare. Sono le 5,39. Il freschino spinto che mi fa rabbrividire di tanto in tanto, mi suggerisce dei recuperi molto lenti, e così faccio. Anche qualche minuto a lancio. Con una pesca così lenta la mente ha tempo per andare per i fatti suoi ma dopo una ventina di minuti la mia attenzione viene catalizzata da una macchina che vedo arrivare in lontananza. Scende una coppia di ragazzi, che si siedono ad aspettare l’alba mentre lei si stringe in un lungo impermeabile. Che tenerezza. Io continuo nei miei intenti, recuperi il più lenti possibili conditi da una buona dose di vibrazioni, ma non sento una tocca né cacciate che mi facciano pensare a una ripresa dell’attività.

Inizia a schiarire e i due tornano verso la macchina, ma, stranamente, entrano dalle porte posteriori. Ancora più stranamente la macchina non parte. Guardo la mia gomma volare e, prima che la senta toccare il fondo, non posso fare a meno di pensare, che di sicuro si stanno divertendo molto più loro di me.

Lancio e cammino finché la natura milanese mi offre uno dei suoi spettacoli più toccanti: il Piccoli di pantegana sguazzano dove dovrebbero esserci le mie esche...bagno mattutino della pantegana da metro. Un momento di altissima poesia, superato in aulicità solo dall’incontro di tutta la prole che sguazza poco più avanti. Smadonno in terzine e tiro dritto sperando di non trovare altri roditori a disturbare le acque. Il sole sta sorgendo e mi siedo, un po’ scorato, a fumare una sigaretta, nella speranza di captare qualche movimento interessante. Da lontano vedo aprirsi le porte posteriori della macchina dell’amore. Sono passati pochi minuti da quando si sono chiuse. La loro non sarà stata una performance memorabile, ma per adesso la mia è anche peggiore. Mi rimetto in piedi e riprendo a martellare l’acqua e pettinare il fondo. Cambio esca e montatura. L’acqua, di quando in quando si rompe per microcacciatine. Ma non c’è verso di stimolare la benché minima risposta pinnuta ai miei inganni.

Mi attardo in un sottosponda a giocare con dei persici sole incazzosissimi. Gli lancio esche da cinque pollici e mi sorprende la cattiveria con cui ci si avventano contro. L’amo abbastanza enorme li tiene al sicuro ma la proporzione è imbarazzante, è come se io me la prendessi con l’anaconda dell’omonimo film con Jennifer Lopez: un serpente in grado di ingoiare un autobus a due piani e avere ancora abbastanza spazio per un Bertram 70. Il simpatico siparietto finisce e io torno a cercare i pesci, quelli seri.

Black bass 52 cm catturato a gomma vicino a MilanoPoco davanti a me vedo una bella sagoma scura subito sotto il pelo dell’acqua. Non ho tempo per spiombare l’esca. Rischio, gli lancio il vermozzo verde scuro proprio sopra la testa. Una frazione di secondo e vedo solo il movimento delle mascelle che tornano in posizione “naturale”. Ferro forte e lui parte. Qualche sfuriata che mi porta via un po’ di filo ma lo conduco velocemente a più miti consigli. Lo porto in un punto in cui riesco a salparlo e finalmente posso ammirarlo in tutto il suo splendore: 52 cm di bass veramente grosso e in forma, una meraviglia. Un paio di foto al volo e poi veloce in acqua con tanto di scodata lavante.

La natura si risveglia anche a Milano - spinningRiprendo a camminare finchè nel sottoriva vedo una zona chiara, pulita. Mi avvicino per curiosare e infatti, a guardia del nido, trovo un bass borioso sui 35 cm intento a scacciare dei persici sole. Quando mi vede, mi fissa in cagnesco per tutto il tempo che rimango a guardarlo. È il momento di lasciarlo per i fatti suoi, sperando che faccia meglio dell’amico che “fregava” in macchina. Smonto la canna. Sono le 7,41.

11 Comments

  • franco vanni ha detto:

    Bello il bass, bellissimo il racconto: “Smadonno in terzine e tiro dritto sperando di non trovare altri roditori a disturbare le acque” è da messaggero della dopa del bass fishing. Daje.

  • Gianni Cattaneo ha detto:

    Tutto bello e romantico (Anche la pantegsna).
    Ma dov’eri?
    Grazie, ciao GiCat.

    • jacopo savoia ha detto:

      Ciao Gianni, grazie! Effettivamente la poesia di quegli attimi era altissima… Ero in una delle cavette abbandonate intorno a Milano. Ne trovi a bizzeffe con Google Maps 😉 A presto!

  • dario ha detto:

    scusate la prestazione, ma dopo la trombatina la ragazza mi ha detto che potevo pescare….ahahhaha!!

  • Alessandro ha detto:

    Bell’articolo e come al solito complimenti! Sei simpaticissimo! Solo mi permetto di darti un consiglio…Anche se non sembra la cute del bass è estremamente sensibile e delicata. I millemila sensori sotto cutanei rischiano di prendere batteri dalle mani sporche, dalla terra e polvere non c’è rischiare di otturarsi. Questi sesori non servono solo a percepire vibrazioni e sensazioni varie ma fanno parte della vita del bass. é un pò come se ti mettessi un sacchetto ni nilon in testa….smetti di respirare e tutti i sensi non hanno più ossigeno (a parte i polmoni). Meglio quindi non mettere a terra il bass. Tutto qui. Scusa se mi son permesso! Grazie per gli articoli stupendi!

    • jacopo savoia ha detto:

      Ciao Alessandro, grazie mille. Figurati, non c’è bisogno di scusarsi se si dicono cose sensate e in modo garbato. Cerco sempre di evitare di appoggiare i pesci a terra, ma in questo caso, vista la stazza del bass (e l’impossibilità di una corretta presa mandibolare aiutata da una mano sotto la pancia), ho preferito cercare una porzione di erba bagnata (che non asporta il muco). Magari la prossima volta saremo a pesca insieme e il problema non si porrà… 😉

      • Alessandro Fioroni ha detto:

        Come al solito dimostri di essere oltre che un gran pescatore anche una persona intelligente! Sarei felicissimo di andare a fare una pescata con te…magari quando riapre il bass!

        Un salutone e complimenti per tutto!

  • martial arts ha detto:

    Spot on with this write-up, I actually believe
    that this amazing site needs a lot more attention. I’ll probably be returning to read through more, thanks for the information!

  • tablet linux ha detto:

    Way cool! Some extremely valid points! I appreciate you penning this article plus the rest
    of the website is extremely good.

Rispondi a jacopo savoia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *