Pesci d’Aprile!

fario over 20

fario over 20

Grazie all’ora legale possiamo pensare di pescare all’alba con una sveglia ragionevole, il sole sabato sorgeva alle 07.07 a Varallo Sesia.  Partenza da casa ore 05.00, passo a prendere Francis alle 05.14, come da accordi… a differenza degli accordi però l’amico Francis appare alle 5.32! D’altra parte la Serie B si vede da queste cose.
Niente caffè in autostrada, si va dritti sullo spot in Sesia per cercare le prime luci. Primo lancio in una pozza a valle dell’SVPS alle 6.57. Le prime luci sono già passate, ma è ancora alba. L’acqua ha un livello discreto, superiore all’ultimo sabato, probabilmente grazie allo scioglimento delle nevi, la temperatura dell’aria è eccellente! Nonostante l’ora fa comunque caldo, ci saranno 16 gradi.
Francis lancia in testa alla pozza con un rotante-sgargiante e un’attrezzatura piuttosto leggera, io poco più a valle pesco più pesante e lancio un rapala da 11cm affondante. Dopo pochi lanci incaglio tra due sassi profondi, entro nel fiume fino alla vita, raggiungo un sassone piatto su cui salgo, davanti a me un bel rigiro d’acqua profondo un metro e venti circa con corrente medio-lenta e grandi sassi. Mi protendo e libero l’esca che scatta mezzo metro e s’arresta: BAM! Una marmorata bellissima è apparsa dal nulla e, attirata dal guizzo improvviso dell’esca ,ci si è avventata con furia! La trazione è brutale: ho fuori solo due metri e mezzo di filo, 0.25 e il pesce è praticamente sotto ai miei piedi, con così poca lenza fuori e tutta la forza di un pesce appena allamato tira direttamente sul mio polso! La canna è piegata a “U” e la frizione non parte bene come dovrebbe, prima due botte verso valle, poi una corsa di 5 metri verso monte con sfrizionio e cardiopalmo, la vedo bene: 60cm, decisamente robusta e alta, molto probabilmente una femmina in forma, dalla livrea bronzo (stessi colori di quella da 65cm di due settimane fa, ma un po’ più corta e robusta); si ferma e inizia il primo movimento della classica difesa delle marmorate: le torsioni su se stessa. Per lei è buona la prima: libera!
Francis ha visto solo la canna piegata e lo “splash” della torsione finale… poi mi ha visto correre via 100 metri a valle verso un altro spot senza dire una parola. Ero “leggermente” incazzato e così mi allontano da quel posto per cercarne un’altra in altra buca.
fario 40Alle 7.20 prendo una bella fario da 40cm, in realtà vedendola meglio in foto mi sa che è un ibrido dalle macchie nere, bellissima l’abboccata a vista… io ero dietro un cespuglio, la vedo seguire il rapala, ormai troppo vicino a riva: arresto il recupero e lei sgagna l’esca! Poco dopo perdo un’abboccata, ma niente di rilevante e vedo una iridea sui 35.
Ormai il sole è alto, fa caldo e vogliamo fare colazione! Con Francis facciamo gli ultimi lanci verso le 9.45 nuovamente alla prima pozza. La mia swimbait da 17cm fa uscire dalla tana l’ombra di una trota che stimo sui quaranta per ben due volte… Francis allora lancia a sua volta con un rotante di dimensioni più adatte: eccola! Marmorata di 40 cm quasi esatti, rilasciata con grande cura. marmorata 40
Con calma facciamo una generosa colazione per poi entrare in pesca parecchi chilometri più a monte in un tratto di SVPS molto vario con salti, correnti veloci e lame più lente. Qui prendo 2 bellissime fario tra i 20 e i 30 centimetri e 1 bell’ibrido poco sopra i 30 con un vibrax 4 rame. Francis prende un’iridea sui 25 con un vibrax 3 color…iridea! Abbiamo alcune altre abboccate a testa mancate, è davvero una bellissima giornata: sole caldo, arietta fresca, peschiamo in maglietta e la cornice delle montagne è meravigliosa. Ci esaltiamo con l’attività delle trote, sembra quasi una giornata di pesca  estiva a parte il fatto che le trote sono un po’ più lente e non mangiano molto nelle correnti veloci. Alle 13.00 stacchiamo… la Serie B deve tornare a Milano a lavorare. Peccato per la trotona persa, avrebbe fatto la differenza tra una bellissima giornata di pesca ed una giornata di pesca memorabile! Ad ogni modo è un report di una pescata molto felice e già non vedo l’ora di tornare sul fiume! A presto, Rock’n’Rod.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *